Shalimar

Eau de Parfum

Il profumo del desiderio

Ispirato all'appassionata storia d'amore fra un imperatore e una principessa indiana, Shalimar, che in sanscrito significa "tempio dell'amore", simboleggia la promessa di amore eterno. È un profumo fatto di desiderio. Con il suo carattere ardente e un po' impertinente, la star dei profumi orientali incarna una sensualità carezzevole con un che di proibito. Jacques Guerlain affermava: «Indossare Shalimar significa lasciarsi sopraffare dai sensi».

Nel 1925 il flacone Shalimar disegnato da Raymond Guerlain si aggiudicò il primo premio alla Mostra di Arti Decorative di Parigi. Le sue curve furono ispirate dalle fontane dei famosi Giardini di Shalimar, le cui acque zampillanti riecheggiano nel tappo a ventaglio in vetro trasparente color zaffiro.

Orientale.
Voluttuoso, sensuale, ipnotico.

Un volo di fiori e bergamotto dà una sferzata alle note di testa con una ventata di freschezza. Il cuore è scaldato da note di iris, gelsomino e rosa, avvolgenti e delicatamente cipriate. Per finire, la presenza della vaniglia, le note dolci fragranti e il calore gourmand della fava tonka orchestrano una sinfonia sensuale per le note di fondo.

Osando, Jacques Guerlain utilizzò una molecola gourmand completamente nuova, l'etilvanillina, unita all'accordo Jicky. Travolto da questa creazione deliziosamente sensuale, alla quale aveva lavorato notte e giorno, comprese di aver dato il via a una "piccola rivoluzione": il primo profumo orientale puro.

   
Vaporizzatore ricaricabile 50 ml
Seleziona la tua tinta
Guerlain

Scopri anche

Altri contenuti Guerlain
Logo Guerlain
Come si indossa un profumo?
Il rituale della profumazione

Personnalisation

Perfumer
Thierry Wasser
paese