Thierry Wasser

Naso di Guerlain

L'uomo e le sue ispirazioni

FIGLIO SPIRITUALE


I suoi predecessori si chiamavano tutti Guerlain. Il suo nome è Wasser. Ma è per il suo talento, più forte del sangue, che Thierry Wasser è stato scelto come degno successore.


Thierry Wasser è un creatore raro e singolare. Uomo sensibile, raffinato, elegante e seducente, è anche una persona con i piedi per terra, un vero bon vivant. Un uomo legato alla terra, con la mente di un artigiano, lontano da ogni ostentazione. Questa personalità, abbinata a incredibili doti olfattive, gli permetteranno di diventare la quinta generazione dei profumieri della Maison.


L'ELETTO


Jean-Paul Guerlain gli affida il segretissimo "Libro delle formule", tramandato di generazione in generazione all'interno della famiglia. Gli rivela anche tutto il savoir-faire e i segreti di un patrimonio olfattivo unico.


Raccontare, mostrare, condividere, trasmettere: un patrimonio prezioso che solo un naso fuori dal comune poteva ricevere.


TRAMANDARE E COMPORRE


Nel 2008 Thierry Wasser diventa il nuovo naso di Guerlain.

Gli viene quindi affidato il compito di continuare il lavoro dei suoi illustri predecessori, senza tenere a freno il suo talento o soffocare la sua identità così particolare. Una sfida che Thierry Wasser vince subito creando Idylle, Habit Rouge l’Eau e Shalimar Parfum Initial e reinterpretando la celebre Guerlinade per La Petite Robe Noire, ultimo must della Maison.


Thierry Wasser

Naso di Guerlain

QUATTRO GENERAZIONI PRIMA DI LUI

Thierry Wasser è il degno successore di quattro generazioni di nasi che hanno scritto la storia della profumeria. Tutti diversi, ma tutti audaci. Ognuno inventò o reinventò il profumo, esplorando senza sosta nuovi territori olfattivi, superando i limiti della creazione. Quattro impronte uniche che hanno segnato e perpetuato la firma olfattiva caratteristica di Guerlain, nota come Guerlinade.


PIERRE-FRANÇOIS-PASCAL GUERLAIN (1798 - 1864)


Fonda la Maison Guerlain nel 1828.


«Realizzate buoni prodotti, non tralasciate mai la qualità. Per il resto, abbiate idee semplici e applicatele scrupolosamente.» Chimico, esploratore, incredibile inventore e pioniere, riunisce tutte le doti necessarie per fare di Guerlain, in meno di cinquant'anni, il "Profumiere Ufficiale di Sua Maestà" l'imperatrice Eugenia e la Maison preferita di tutte le corti d'Europa.


AIMÉ GUERLAIN (1834 - 1910)


Nel 1889 la Maison Guerlain inventa la profumeria moderna. Aimé ne è l'artefice. All'epoca, tutti i profumi cercavano di riprodurre gli odori della natura. Aimé dà prova d'audacia e cambia per sempre la storia della profumeria: associa per la prima volta note di sintesi a una composizione naturale. Nasce così Jicky, allo stesso tempo unico, sorprendente e inebriante.


JACQUES GUERLAIN (1874 -1963)


«Un profumo riuscito è quello il cui odore corrisponde a un sogno iniziale.»


Jacques Guerlain, uno dei più grandi nasi del XX secolo, è anche il più poetico. Considera il profumo un'arte a pieno titolo. Amico di artisti e collezionista, firmerà 400 creazioni, tra cui profumi centenari dal successo mondiale (L’Heure Bleue, Shalimar, ecc.) e inaugurerà il celebre indirizzo della Maison al numero 68, Champs-Élysées.


JEAN-PAUL GUERLAIN (NATO NEL EN 1937)


«Un profumiere deve andare incontro agli odori.»


Jean-Paul Guerlain è soprannominato "il Marco Polo delle essenze". Invece di brevi soggiorni, preferisce stabilirsi per un po' di tempo in una piantagione per trovare un senso di isolamento propizio alla creazione. Amante delle donne, ostinato e passionale, se ne infischia delle mode e ignora i sentieri battuti. Esperto cavaliere, creerà Habit Rouge. Ed è durante un'uscita a cavallo, calpestando l'erba fresca di buon mattino, che avrà l'idea di Aqua Allegoria. A lui si devono anche Vetiver, Samsara e molti profumi emblematici della Maison.


Thierry Wasser

Naso di Guerlain

L'Empreinte Guerlain

On reconnaît « un Guerlain ». Et si les parfums de la Maison laissent derrière eux un sillage si singulier, c’est qu’ils ont un secret en commun.


Il réside d’abord dans l’utilisation massive de matières premières naturelles, souvent rares, choisies avec la plus grande exigence. 


Ces notes naturelles sont magnifiées par des matières de synthèse. Une association qui offre un sillage et une puissance explosifs.


Un Guerlain se caractérise ensuite par son écriture, privilégiant les formules courtes et les overdoses. 

Quand les formules longues mêlent une multitude d’ingrédients et peuvent perdre en caractère, Guerlain a toujours osé le relief d’une formule courte, beaucoup plus difficile à équilibrer. 


Mais la signature Guerlain ne serait pas la même sans ce que l’on nomme « la Guerlinade » : rose, bergamote, jasmin, fève tonka, iris, vanille sont les 6 matières fétiches de la Maison que toutes les générations ont adoré associer, chacun à sa manière, proposant une nouvelle interprétation.


L’empreinte olfactive de la Maison est faite de savoir-faire, d’exceptionnel et d’audace. C’est pour cela qu’un parfum Guerlain enivre, émeut et captive les sens comme nul autre.


Thierry Wasser

Naso di Guerlain

Sei ingredienti emblematici

La Guerlinade esprime alla perfezione lo spirito creativo di Guerlain, il suo senso dell'audacia, l'arte del sovradosaggio e le formule corte.

Autentica firma, associa sei materie prime che ritroviamo nei profumi della Maison:


- il bergamotto di Calabria: Guerlain fa un grande uso di questo frutto il cui albero proviene dall'innesto di una pianta di limone e di un arancio amaro.

Oggi il 95% della produzione di bergamotto proviene dall'Italia, tanto da essere soprannominato "l'oro verde di Calabria".

Allo stesso tempo delicato e vivace, frizzante, fiorito, dolce e amaro, viene utilizzato nelle Eaux de Cologne sin dalla fondazione di Guerlain ed è tuttora impiegato per La Petite Robe Noire. Alcuni lo preferiscono più maturo, il che gli dona accenti più fioriti e fruttati, oltre a una pronunciata nota di tè earl grey; altri lo scelgono più verde, per il suo carattere più vivo e diretto.

Il profumiere Guerlain ha creato tra l'altro una sua qualità di bergamotto: si tratta di una communelle, una combinazione delle raccolte di diversi produttori al fine di garantire anno dopo anno un profilo olfattivo costante e mantenere una qualità altissima.


- La rosa: tra le oltre 700 varietà botaniche di rosa, solo due rivelano i loro segreti alla profumeria: la rosa centifolia e la rosa damascena.

Guerlain utilizza entrambe le varietà e Thierry Wasser ha un debole per la rosa damascena proveniente dalla Bulgaria. È necessario raccogliere ben cinque tonnellate di petali per ricavare un chilo di questo prezioso olio essenziale tramite la distillazione a vapore. Ogni anno Thierry Wasser in persona compone una communelle di essenza di rosa bulgara dagli accenti fruttati di litchi e di lampone. La rosa, tra gli ingredienti preferiti di Guerlain, è usata in molti profumi, ma si distingue particolarmente in Nahema, Idylle, Rose Barbare, Nuit d’Amour e La Petite Robe Noire.


- Il gelsomino: il gelsomino è un fiorellino bianco molto delicato che si raccoglie di primo mattino. È così fragile che la trasformazione in un'essenza concreta avviene sul luogo di raccolta per preservare tutta la ricchezza delle sue caratteristiche olfattive.

In profumeria si usano due varietà botaniche:

- Jasminum grandiflorum, originario di Grasse (Francia), della Calabria e dell'India;

- Jasminum sambac, proveniente dall'India.

Queste due varietà hanno caratteristiche olfattive proprie e ben distinte.

Thierry Wasser utilizza entrambe le varietà e, come per la rosa e il bergamotto, seleziona ogni anno lotti particolari di Jasminum grandiflorum per creare una communelle specifica per Guerlain.

Guerlain dà rilievo al gelsomino in molte delle sue creazioni. La sua presenza è particolarmente evidente in Jardins de Bagatelle, Samsara e Idylle Duet Jasmin-Lilas.


- La fava tonka: la fava tonka è contenuta nel frutto del Dipteryx Odorata, un albero originario del Sud America e principalmente del Venezuela. Viene essiccata e trattata mediante estrazione per ottenere l'assoluta, che di per sé è già un vero e proprio profumo. Si riconoscono i sentori di mandorla, miele, spezie, ma anche di fieno e tabacco. Dona alle fragranze una nota calda, avvolgente e golosa.

La fava tonka si distingue particolarmente in Tonka Impériale dell'esclusiva collezione L'Art & la Matière, ma è presente anche in Jicky, Habit Rouge e Shalimar, dove accompagna splendidamente le note orientali.


- La vaniglia: questa varietà di orchidea dal profumo sensuale è uno degli ingredienti preferiti della Maison. Guerlain possiede un organo che riunisce tutte le varietà di vaniglia del mondo.

Il baccello di vaniglia è il frutto di un'orchidea. Guerlain ne usa e abusa da sempre. La utilizza sotto forma di tintura o di assoluta. La tintura è una tecnica antichissima che consiste nel mettere in infusione i baccelli di vaniglia in alcool. Il risultato è unico e distingue le fragranze Guerlain da tutte le altre.

La vaniglia è originaria del Messico, ma viene prodotta in molti altri paesi. Guerlain ha selezionato appositamente alcune varietà provenienti dal Madagascar, dall'India e da Tahiti.

Questo ingrediente è presente nella maggior parte delle fragranze Guerlain, ma si distingue particolarmente in Spiritueuse Double Vanille, Cuir Beluga e Angélique Noire dell'esclusiva collezione L'Art & la Matière, oltre a Jicky, L’Heure Bleue, Shalimar e Habit Rouge.


- L'iris: per i profumieri, l'iris è l'incarnazione del lusso grazie alla bellezza e alla purezza di ogni sua sfaccettatura. L'iris, il più raro e costoso tra gli ingredienti, è l'oggetto di tutti i desideri. Solo alcune Maison di profumeria hanno la fortuna di utilizzare questo prezioso nettare. Esistono due varietà botaniche: l'Iris Pallida e l'Iris Germanica. Guerlain utilizza solo la varietà Pallida, che è la più pregiata. Proviene essenzialmente dall'Italia e in particolare dalla Toscana. L'iris è un fiore bello e misterioso che custodisce gelosamente il suo tesoro... sotto terra. Sono infatti i suoi rizomi a essere trattati per ottenere la divina sostanza. La pianta è coltivata per tre anni prima di essere raccolta e i rizomi vanno lasciati essiccare per tre anni per ottenere un estratto di qualità ottimale. L'estrazione è lunga ed è il risultato di un processo molto delicato.

I profumieri Guerlain hanno sempre adorato il suo sentore cipriato così caratteristico. Si ritrova particolarmente in Après L’Ondée, L’Heure Bleue, Insolence e Shalimar Parfum Initial.


Thierry Wasser

Naso di Guerlain

Profumiere esploratore

Tutta la poesia e la rarità di un profumo d'eccezione: le essenze più pregiate si trovano spesso nelle lande più remote. Per Guerlain un buon profumiere è un buon esploratore.


UNA SELEZIONE SCRUPOLOSA


Come le quattro generazioni di profumieri che lo hanno preceduto, Thierry Wasser percorre il mondo per scovare ingredienti esclusivi di qualità eccezionale e costante.


Questa padronanza assoluta degli ingredienti, siano essi naturali o di sintesi, ha la massima importanza per Guerlain. Va detto che gli ingredienti di sintesi non sono poi così facili da trovare. Alcune molecole d'alta tecnologia e di altissima qualità, come il civetone, possono infatti rivelarsi estremamente rare.


PROFUMIERE PRAGMATICO


Per Guerlain la gestione della filiera è essenziale. Thierry Wasser controlla la qualità dei fornitori e delle produzioni, cerca nuovi partner e avvia nuove filiere, fornendo l'esperienza e le competenze necessarie.


Tra le sue azioni, Thierry Wasser include progetti di sviluppo sostenibile, garantendo una fornitura continua di materie prime, risorsa essenziale per la creazione dei suoi profumi.  


La conoscenza di ciò che accade sul terreno è fondamentale per acquistare in maniera responsabile. Per la Maison, la creazione deve andare di pari passo con lo sviluppo sociale e il rispetto dell'ambiente. La natura è un patrimonio prezioso che il profumiere deve proteggere e trasmettere alle generazioni future.


TESTIMONIANZA


Il fotografo Denis Chapouillé accompagna Thierry Wasser nei suoi viaggi alla ricerca di ingredienti rari e cattura i diversi momenti di questa meravigliosa avventura umana.


THIERRY WASSER Naso
“Un perfumer ha un rapporto soggettivo e passionale con le sue materie prime preferite”.
Shalimar Guerlain